Agevolazioni fiscali al 65%

Torna indietro

Vi ricordiamo l'aumento della percentuale dell'ecobonus che sale dal 55% al 65%: inalterate le regole per il suo ottenimento.

In Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 63/2013.


Nel decreto legge 4 Giugno 2013, n.53 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.130 del 5 giugno, "Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia per la definizione delle procedure d'infrazione avviate dalla Commissione europea, nonché altre disposizioni in materia di coesione sociale") che dispongono il bonus del 65% e la proroga del 50% per le ristrutturazioni edilizie, gli articoli n.14, 15 e 16 confermano l'aumento della percentuale di detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica attualmente attestatasi alla percentuale del 65%, applicabile a partire da oggi sino al 31 dicembre 2013. Dal 1° gennaio 2014 la detrazione sarà del 36%, cioè quella ordinariamente prevista per i lavori di ristrutturazione edilizia.


"Inoltre, lo stesso decreto ha stabilito che per le spese sostenute per gli interventi su parti comuni di edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, la detrazione del 65% si applica dal 6 giugno 2013 fino al 30 giugno 2014".(dal sito dell'Agenzia delle Entrate).Gli interventi che interessano il settore sono:"interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro. La condizione per fruire dell'agevolazione è che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica U, espressa in W/m2k, in un'apposita tabella (i valori di trasmittanza, validi dal 2008, sono stati definiti con il decreto del ministro dello Sviluppo economico dell'11 marzo 2008, così come modificato dal decreto 26 gennaio 2010).In questo gruppo rientra anche la sostituzione dei portoni d'ingresso, a condizione che si tratti di serramenti che delimitano l'involucro riscaldato dall'edificio verso l'esterno o verso locali non riscaldati e risultino rispettati gli indici di trasmittanza termica richiesta per la sostituzione delle finestre".


Restano inalterate le procedure per la richiesta della detrazione.

 

Per maggiori informazioni

Eventi Costiera Amalfitanaweb agencyCentro Medico